LE BOLLICINE DELL'OPIFICIO DEL PINOT NERO 

Buvoli_CINQUE_21.jpg

Buvoli

Metodo Classico

Pas Dosé

Cinque

Il Pas Dosé (che alcuni chiamano Dosaggio Zero oppure Brut Nature) è la sfida più difficile per un produttore di Metodo Classico, in quanto si lavora “senza trucco”. Il Pas Dosé è lo spumante che deve stare in piedi da solo: è per questo che si produce solamente quando la bottiglia ha una buona struttura, un grande equilibrio e – aggiungo io – soprattutto una buona personalità.

 

È una bollicina tagliente, diretta, senza compromessi. Non piace a tutti, in genere è il punto di arrivo di lungo percorso di conoscenza del Metodo Classico, ma gli appassionati di questa tipologia aumentano ogni anno.

 

Il Pas Dosè CINQUE nasce da una cuvée che ha sostato oltre 5 anni sui lieviti prima di essere degorgiata, utilizzando bottiglie della stessa partita per il rabbocco. È una bolla con un’evoluzione non troppo spinta, nel senso che accenna note terziarie ma senza aggressività, e per questo motivo viene molto apprezzata in accostamento a qualunque pietanza. A me piace particolarmente il suo profumo e il fatto che sia uno spumante per nulla arrogante: non ti colpisce per potenza o sentori estremi, è un vino umile ma molto, molto sicuro di sé. 

Ecco alcune note degustative dell’amico sommelier André Senoner, Ambasciatore Italiano del Pinot Nero 2021:

Il Cinque si apre all’olfatto con profumi di fiori di acacia e ginestra. Poi arriva la spinta delle note di spezie dolci, di miele e di zafferano. Finale con presenza di sentori di pasta di mandorla e pasticceria secca che richiamano la finezza olfattiva. Nel palato si presenta rilasciando mineralità sulle papille gustative. Entra morbido, per equilibrarsi con spinta di freschezza e lunga vena sapida. Vino di corpo e persistenza in cui nel suo retrogusto ritornano gli accenni di erbe officinali come maggiorana e mentuccia sotto forma di macchia mediterranea e sottobosco.

Formati disponibili  -

0,75 l e Magnum

Visite &
degustazioni